Si è fermato pochi giorni. Poi se n’è andato. Il Questore: «La gente può stare tranquilla»

Il sospetto terrorista è tornato in città

Il presunto terrorista 21enne, fermato e interrogato tra Trieste e Venezia dalle forze dell’ordine di rientro dalla guerra in Siria, è tornato in città. Ma se ne è già andato. E’ partito nei giorni scorsi, lasciando nuovamente l’Italia.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 28-08-2014 alle ore 00:00:00.
il-sospetto-terrorista-e-tornato-in-citta-560fd08bcfe413.jpg
Foto di repertorio

Novità buone e cattive giungono in merito al giovane biellese ritenuto un presunto terrorista islamico. Il 21enne fermato e interrogato tra Trieste e Venezia dalle forze dell’ordine che - nell’assoluto riserbo -  stanno schedando i primi integralisti di rientro dalla guerra in Siria, è tornato in città. La  notizia positiva è che  - fortunatamente - se ne è già andato. E’ partito nei giorni scorsi, lasciando nuovamente l’Italia. La comunicazione giunge dalla Questura di Biella.

«Per quanto concerne l’allarme sollevato sui jihadisti italiani di rientro dai fronti caldi - spiega il Questore Salvatore Arena -  la situazione è attentamente monitorata. La Polizia di Stato è vigile».

I biellesi, dunque, possono dormire sonni tranquilli: «Stiamo facendo tutto il possibile per salvaguardare al massimo la sicurezza e l’ordine pubblico, e davvero, ad oggi, non c’è alcun pericolo».

Gli articoli pubblicati negli ultimi giorni a riguardo hanno suscitato parecchio clamore. Tutto è nato da un’inchiesta pubblicata da “L’Espresso” e ripresa dalla stampa locale. In un ampio servizio il giornalista Paolo Biondani ricostruisce le vite di alcuni musulmani residenti in Italia, all’apparenza persone comuni, ma rivelatisi poi terroristi a tutti gli effetti. Tra i casi esaminati, l’ultimo in ordine di tempo coinvolge proprio il cittadino biellese. Si tratta di un 21enne di origine marocchina ma nato e cresciuto in città:  il classico ragazzo della porta accanto, senza precedenti penali, con un curriculum da studente modello, ben integrato e naturalizzato in Italia.  Un giovane, che però, ha fatto una vacanza molto strana: un’estate di guerra in Siria.

«Non vorrei passasse un messaggio negativo - prosegue il Questore - nei confronti della comunità islamica. Non sarebbe giusto. La gran parte di queste persone è gente seria, perbene,  che lavora e che cerca di integrarsi il più possibile».

Tags: sospetto terrorista, biella, terrorismo, questore, il sospetto terrorista se n`è andato

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia