Il club rossoblù primo nella speciale graduatoria per l’utilizzo dei giocatori Under22

Il “premio giovani” va a Biella

«Siamo la squadra dell’A2 Gold prima nella speciale graduatoria riservata all’ impiego dei giovani e con la migliore posizione nella classifica generale».

Stampa Home
Articolo pubblicato il 04-03-2015 alle ore 00:00:00.
il-premio-giovani-va-a-biella-560fe55fcfe9f3.jpg
Tommaso Laquintana è il giocatore Under22 rossoblù con il minutaggio maggiore

«Siamo la squadra dell’A2 Gold prima nella speciale graduatoria riservata all’ impiego dei giovani e con la migliore posizione nella classifica generale (quarti a quota 24 punti, ndr). E’ importante che anche altre realtà capiscano che con i giovani si può far bene e vincere. Puntare sui giovani non significa automaticamente rischiare di retrocedere o di disputare un brutto campionato. Bisogna avere il coraggio di far giocare questi ragazzi in maniera concreta».

Pensieri e parole di Fabio Corbani alla vigilia della sfida tra la “sua” Angelico e la capolista Verona. Un match che, confrontato poi con quanto fatto in serata da Trieste nella vittoriosa trasferta di Agrigento, ha permesso a Pallacanestro Biella di aggiudicarsi il prestigioso premio per l’utilizzo dei giocatori Under22 (vale a dire quelli nati dal 1993 in poi).

Il club rossoblù guida la classifica - manca solamente l’ufficialità, che dovrebbe arrivare a ore - proprio davanti alla compagine friulana e quella di domenica era l’ultima giornata utile per la corsa al premio della federazione. Un premio consistente, che in “soldoni” vale 90mila euro (70mila il premio per la seconda piazza, ndr). Un “tesoretto” che la prossima stagione permetterà alla società di poter risparmiare notevolmente sulle spese inerenti ai rapporti con la Fip stessa.

E tutto questo, come ha giustamente fatto notare il coach già la scorsa settimana, con una risposta positiva per ciò che concerne i risultati sul parquet. Il che non guasta affatto. Snocciolando un po’ di numeri - ufficiosi per il momento - Biella ha concesso ai propri giovani 2.111 minuti (contro i 2.068 di Trieste), lasciandoli in campo per 88 minuti di media a partita. Dei quattro rossoblù interessati, il più utilizzato fino ad ora è stato Tommaso Laquintana, con 26’ di impiego  partita, seguito da Eric Lombardi con 25’, poi Matteo Chillo e Niccolò De Vico con 18’ a testa.

Al di là dell’aspetto puramente economico, questo premio rappresenta un notevole motivo di vanto per Pallacanestro Biella. E un modello da seguire per l’intero movimento della pallacanestro italiana.

Tags: angelico pallacanestro biella, premio giovani, coach fabio corbani, tommaso laquintana, eric lombardi, matteo chillo, niccolò de vico

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia