Alasinistra - La rubrica di Roberto Pietrobon

Il biellese balla con i lupi?

Su questo giornale è comparsa una lettera di un cacciatore che parla del ritorno dei lupi nel territorio biellese. Il cacciatore si spinge addirittura a parlare di “branchi di lupi” che, aggirandosi nelle nostre vallate, potrebbero attaccare l’uomo se va

Stampa Home
Articolo pubblicato il 13-08-2015 alle ore 09:26:20.
il-biellese-balla-con-i-lupi-560ff2f22c10e3.jpg
Roberto Pietrobon

Su questo giornale è comparsa una lettera di un cacciatore che parla del ritorno dei lupi nel territorio biellese. Il cacciatore si spinge addirittura a parlare di “branchi di lupi” che, aggirandosi nelle nostre vallate, potrebbero attaccare l’uomo se va “per i boschi a correre, in bici, a piedi o a farsi una passeggiata”.

Il cacciatore mette in guardia o, più semplicemente, diffonde il panico? Io propendo, decisamente, per la seconda ipotesi. Primo: i lupi in tutto il territorio italiano da recenti statistiche non supererebbero le mille unità e si concentrerebbero sugli Appennini abruzzesi. Un po’ improbabile quindi che nel nostro piccolo territorio prealpino si possano trovare “branchi di lupi”.

Secondo: alcuni anni fa si parlò di un solo avvistamento sopra il Margosio verso la Valsesia. Notizia così precaria che non trovò seguito successivamente. 

Ci sono - e questo è un fatto - branchi di cani inselvatichiti che girano in branco soprattutto nella Valle del Cervo e che sono da tempo attenzionati dalle autorità preposte. Nessun rischio quindi di incorrere in branchi di “canis lupus” che, comunque, darebbero al nostro territorio una specificità unica tra gli ambienti prealpini piemontesi, liguri e lombardi.

Perché però si ha tanta paura dei lupi? In antichità, per esempio nella Mitologia scandinava e giapponese, i lupi erano considerati animali quasi divini. Gli scandinavi credevano che il lupo Fenrir fosse un figlio di Loki (dio dell’astuzia e del caos). In altre culture, i lupi svolgevano un ruolo importante nei miti di fondazione: i turchi, i mongoli e gli ainu credevano che i lupi fossero i loro antenati. I lupi venivano associati con il sole in alcune culture eurasiatiche: gli antichi greci e romani collegavano il lupo con il dio Apollo mentre i galli associavano il lupo con Belanu (divinità della luce). Il lupo fu stimato dai daci, il cui nome deriva dalla parola gallica daoi, che significa «popolo lupino». Essi credevano che il lupo fosse signore di tutti gli animali, e l'unica vera protezione contro il male.

Sono le fiabe e la letteratura ad aver costruito tutte le paure che, fin da piccoli, coltiviamo verso questo animale: da “cappuccetto rosso” ai “tre porcellini e il lupo” per esempio. In verità questa società, la nostra, vive molto più di paure che di miti e diventa facile distillare fobie e soluzioni irrazionali per placarle. Avviene tutti i giorni quando parliamo di profughi e migranti. Avviene verso i “diversi” o i “malati” che non rientrano nella “norma” che ci viene presentata dai mass media. Ci accaniamo quindi verso il “selvatico”, immaginando che questo sia portatore di drammi, lutti e sconvolgimenti e non ci accorgiamo che stiamo confondendo i (veri) lupi con (improbabili) agnelli.

Roberto Pietrobon

www.alasinistra.org

Tags: Alasinistra, Roberto Pietrobon, rubrica pietrobon

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia