Intervista a Claudio Zoia, uno dei promotori del progetto

«Il Banco di Biella è indispensabile al territorio»

Una banca di biellesi al servizio dei biellesi. E’ questo lo spirito con il quale due anni fa un gruppo di personalità locali ha scelto di creare Banco di Biella credito cooperativo. Una sfida notevole per una realtà del tutto nuova in un contesto locale

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02-03-2015 alle ore 00:00:00.
il-banco-di-biella-e-indispensabile-al-territorio-560fe53e5827c3.jpg
Claudio Zoia

Una banca di biellesi al servizio dei biellesi. E’ questo lo spirito con il quale due anni fa un gruppo di personalità locali ha scelto di creare Banco di Biella credito cooperativo. Una sfida notevole per una realtà del tutto nuova in un contesto locale non sempre avvezzo agli stravolgimenti che, a distanza di 48 mesi, sta raccogliendo numerosi consensi.

“La nostra volontà – spiega Claudio Zoia , uno dei membri del comitato promotore – è quella di creare una banca locale, che operi soltanto sul territorio e a favore dello stesso. L’intento è quello di garantire linee di credito alle piccole e medie imprese biellesi, spalmando i finanziamenti così da poter aiutare quante più industrie possibili. Una banca “retail” come direbbero negli Stati Uniti, una banca che ruoterà attorno alla classe media”.
Una banca popolare, quindi, e anche sicura. I recenti stress test svolti sui principali istituti di credito del nostro Paese hanno, infatti, evidenziato come quelli coordinati dall'Iccrea (l'organismo che fornisce prodotti alle banche di credito cooperativo e alle casse rurali) siano tra i meglio capitalizzati.

L’impostazione di fondo del progetto appare assolutamente innovativa. “A differenza dei normali istituti di credito ci impegniamo a valutare le persone, i loro sacrifici, la loro serietà, pure i numeri per forza di cose, ma senza limitarsi ad un giudizio basato solo sul rating”. La persona sembra essere interamente al centro dell’ambizioso progetto che punta a raccogliere, attraverso le sottoscrizioni, 7 milioni e mezzo di capitale sociale entro settembre. “Lo scorso 25 settembre – prosegue Zoia – la Consob ci ha dato l’ok per partire con le sottoscrizioni. Chi ci darà la sua fiducia puntando su di noi sarà un socio e non un semplice cliente. E potrà quindi partecipare attivamente alle scelte del Banco”. Il quantitativo minimo di sottoscrizione è di 500 euro (e cioè il prezzo di un’azione) per le persone fisiche, 2.500 per le società di persone, le associazioni e le cooperative e 5.000 per le società di capitale, i consorzi pubblici e le società pubbliche. Il massimo importo sottoscrivibile, in ogni caso, è di cento azioni pari a 50.000 euro. “Chiunque intenda sottoscrivere delle quote non dovrà sborsare la somma subito, ma soltanto al termine della raccolta dell'intero capitale sociale che scade il 24 settembre 2014”.

Una volta avviato il Banco punta ad aprire inizialmente due sportelli, uno a Biella, l'altro a Strona, una scelta conforme allo spirito localistico delle banche di credito cooperativo. “Lo sportello cittadino verrà affiancato da un secondo sportello a Strona che opererà per i comuni limitrofi, tra cui Cossato, Trivero e Valle Mosso”. La legge, infatti, impone che le adesioni siano vincolate alla residenza, proprio allo scopo di garantire la continuità territoriale del sistema.

Per tutte le informazioni sul Banco di Biella è possibile consultare il prospetto informativo sul sito internet www.bancodibiella.it oppure recarsi in una delle due agenzie a Biella (in via Losana 13) o a Valle Mosso (in via B. Sella 59).

Tags: claudio zoia, banco di biella, intervista

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia