Malasanità

Il 118 si rifiuta di intervenire a Bioglio, devono intervenire i volontari CRI

Stampa Home
Articolo pubblicato il 28-06-2013 alle ore 10:54:04.
il-118-si-rifiuta-di-intervenire-a-bioglio-devono-intervenire-i-volontari-cri-560fa1e3788953.jpg
Il 118 si rifiuta di intervenire a Bioglio, devono intervenire i volontari CRI

Il 118 si è rifiutato di soccorrere un signore di Bioglio, in preda a una grave insufficenza respiratoria. Al suo posto sono dovuti intervenire i volontari della Croce Rossa di Cossato, con un mezzo non medicalizzato e per il quale lo sfortunato malato ha dovuto pagare di tasca propria. Questa la denuncia di Wilmer Ronzani, consigliere regionale del Partito democratico (Pd), che ha presentato un'interrogazione a riguardo. 

LA VICENDA

Un uomo di Bioglio si è rivolto al proprio medico di base, perchè soffriva di gravi problemi di respirazione. Il medico gli ha consigliato di recarsi immediatamente al pronto soccorso di Biella, consegnandogli un foglio di ricovero. 

Il malato ha chiamato prima la Croce Rossa di Cossato, che gli ha però suggerito di rivolgersi al 118. Da Novara, a quanto racconta il consigliere regionale Ronzani, "si sono rifiutati di inviare il mezzo e di effettuare il servizio nonostante si trattasse di un paziente affetto da una grave insufficienza respiratoria, fatto questo che non può non essere emerso durante il colloquio avvenuto tra la persona e l’operatore del 118 e che giustificava l’avvio di un’autoambulanza attrezzata".

Il signore quindi ha richiamato la Croce Rossa di Cossato che ha inviato il mezzo a disposizione, come se fosse un servizio privato che quindi l’interessato ha dovuto pagare di tasca propria. Giunto al pronto soccorso di Biella alla persona è stato assegnato un codice giallo e il personale del pronto soccorso non ha potuto non rilevare come un paziente in quelle condizioni avrebbe dovuto essere trasportato in ospedale da un’ambulanza medicalizzata, e quindi attrezzata per far fronte alla situazione in cui si trovava il paziente.

Pert questi motivi Ronzani ha presentato una nuova interrogazione dopo quella di poche settimane fa, agli assessori regionali competenti per sapere: "Se, di fronte al ripetersi di episodi così gravi, che non possono essere considerati fatti isolati, non ritenga di dover rivedere il processo di riorganizzazione complessiva del 118, sempre più spesso sinonimo di inefficienza e disorganizzazione, in una Regione nella quale il servizio era invece ritenuto un fattore di efficienza e qualità".

 

Tags: Redazione

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 07-01-2017
Biella: minori ubriachi danneggiano le auto in sosta 3 Tre ragazzini sono stati denunciati dalla Polizia per danneggiamento e minacce a pubblico ufficiale, dopo essere stati sorpresi ubriachi da una pattuglia...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia