Cgil, Cisl e Uil chiedono garanzie sul numero di posti letto

«Giù le mani dal nuovo ospedale»

In una nota stampa congiunta, Cgil, Cisl e Uil commentano con la favore la notizia diffusa dal consigliere regionale Vittorio Barazzotto che l'assessore Saitta intende sospendere per il momento la riduzione degli 80 posti letto nel nuovo ospedale di Biel

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22-01-2015 alle ore 00:00:00.
giu-le-mani-dal-nuovo-ospedale-560fe01e6d4b13.jpg
Marvi Massazza Gal

In una nota stampa congiunta, Cgil, Cisl e Uil commentano con la favore la notizia diffusa dal consigliere regionale Vittorio Barazzotto che  l'assessore Saitta intende sospendere per il momento la riduzione degli 80 posti letto nel nuovo ospedale di Biella.

«Sappiamo però che Roma - si legge nel documento firmato da Marvi Massazza Gal, Roberto Bompan e Maria Cristina Mosca - ha approvato, proprio in questi giorni, la riorganizzazione della rete ospedaliera che prevede proprio questi tagli, per cui ci chiediamo come questo si concili con le dichiarazioni di rassicurazione del nostro consigliere regionale. Noi continuiamo ad essere preoccupati fino a quando alla parole non seguiranno i fatti. Se non si modifica la delibera sui tagli non si cambia la situazione. Siamo fortemente preoccupati perchè, come già dichiarato al Presidente Chiamparino in occasione della sua visita all'inaugurazione del nuovo ospedale, nella riorganizzazione della rete ospedaliera Biella viene considerata alla stregua degli altri Presidi Sanitari, con analoghe penalizzazioni, nonostante il nuovo ospedale e gli ingenti investimenti sui macchinari ospedalieri lo rendano un’eccellenza e un punto di riferimento per l’intero quadrante, così facendo, invece, si corre il fondato rischio di affossare già in partenza non solo la sanità biellese ma quella della futura “Area Vasta”.

«Ricordiamo - aggiungono Cgil, Cisl e Uil - che già oggi Biella ha un numero di posti letto inferiore ai parametri previsti dal piano sanitario nazionale, e gli attuali 480 posti letto non sono sufficienti, tant'è che proprio in questi giorni assistiamo, nel nuovo ospedale, ad un numero di ricoveri superiori ai posti letti a disposizione. Per fare fronte a tale situazione ogni reparto è stato fornito di posti letto aggiuntivi, nonostante la carenza di personale in tutte le aree di degenza. Chiediamo alle istituzioni locali e ai politici di convocare a breve un'assemblea dei sindaci e invitare l'assessore Saitta affinchè possa confermare l'effettiva sospensione della riduzione dei posti letto per il nostro territorio e che la Sanità biellese sia nei fatti una risorsa per il Piemonte e per il quadrante».

c.s.

Tags: cigil, cisl, uil, biella, ospedale, posti letto

Articoli dello Stesso Argomento

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia