I consigli della psicologa Daniela Manara

E' tutto un equilibrio sopra la follia...

A seguito di fatti di cronaca nazionale, in cui persone sparano a congiunti o vicini di casa per futili motivi, mi ritrovo a pensare a cosa sia il discutibile concetto di “normalità”

Stampa Home
Articolo pubblicato il 24-05-2015 alle ore 00:00:00.
e-tutto-un-equilibrio-sopra-la-follia-560fedcac88f83.jpg
La psicologa Daniela Manara

A seguito di fatti di cronaca nazionale, in cui persone sparano a congiunti o vicini di casa per futili motivi, mi ritrovo a pensare a cosa sia il discutibile concetto di “normalità”. Tentando di dare una semplicistica definizione si può pensare alla normalità in diverse declinazioni quali: 1- normalità come media statistica, per cui il comportamento normale è quello che è messo in atto dalla maggior parte delle persone 2- normalità come adeguamento alle aspettative della società; normale è una persona ben integrata e che conduce una vita in cui aspetti sociali, economici ed emotivi si integrano e si equilibrano 3- normalità come assenza di patologia, assenza di sintomi (anche se non esistono persone a-sintomatiche, ognuno ha sintomi che non necessariamente sottendono una connotazione negativa, sottovalutando il potere comunicativo del sintomo stesso).

Le altre variabili importanti che dovrebbero essere prese in considerazione, nel concetto di normalità, sono il mantenimento di un adeguato esame di realtà, la maturità psicologica del soggetto ed il suo adattamento all’ambiente. Tutti questi elementi ci permettono di avere un quadro generale del funzionamento globale di una persona. Spesso in tutte queste variabili assumono un ruolo fondamentale e cruciale le esperienze infantili positive con le principali figure di riferimento che determineranno il successivo sviluppo della personalità adulta. Oggi in psicologia clinica non si demarca più il vecchio confine netto tra malattia e salute, tra normalità e patologia, ma si ha una visione di una continuità poiché possono avvicendarsi nella storia di ogni persona stadi intermedi non propriamente normali ma neanche patologici (piccole sofferenze, disadattamenti…) a fronte di eventi particolarmente traumatici. Nello studio del comportamento normale vs. patologico diventa essenziale esaminare il rapporto tra struttura di personalità (fattori individuali e genetici) e ambiente (fattori ambientali), per stabilire come l’individuo reagisca e si rapporti ad eventi reali e per analizzare come tali eventi vengano percepiti e quali significati rappresentino per ciascun individuo. In fondo come cantava il grande Vasco Rossi “…è tutto un equilibrio sopra la follia”.

Daniela Manara

La rubrica della psicologa Daniela Manara viene pubblicata tutti i sabati sulla Nuova Provincia di Biella

Tags: daniela manara, psicologa, rubrica psicologa, consigli psicologa

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia