A luglio il negozio di via Torino cessa l’attività

Dopo oltre 70 anni chiude “Meraviglia”

C'era una volta il negozio "Lanerie Meraviglia" in Via Torino 37. C'era una volta perché tra poco non ci sarà più quello che per più di 70 anni è stato un punto di riferimento per una clientela affezionata ed esigente.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 03-06-2015 alle ore 00:00:00.
dopo-oltre-70-anni-chiude-meraviglia-560fee3adbdec3.jpg
L'attuale proprietaria, Margherita Meraviglia

C'era una volta il negozio "Lanerie Meraviglia" in Via Torino 37. C'era una volta perché tra poco non ci sarà più quello che per più di 70 anni è stato un punto di riferimento per una clientela affezionata ed esigente. La storia dell'attività è la storia di una famiglia molto unita. Piero Meraviglia e Cecile Mosca iniziarono con la vendita di gomitoli e stoffe, tant'è che l'attuale proprietaria, Margherita classe 1940, a soli otto anni vendeva gomitoli.

«Mio padre - racconta Margherita - era una persona estroversa e sorridente, stava simpatico a tutti e lo conoscevano tutti i biellesi. Mia madre era dolcissima e entrambi hanno sempre instaurato un bel rapporto con i clienti, piano piano si sono ingranditi e hanno aperto anche un negozio in Via Volpi di confezioni uomo e donna, allora io avevo diciotto anni, e poi mio padre aveva anche una fabbrica di filati a Quaregna». Di quelle molteplici attività, l'unica che ha resisto al tempo è però la prima, l'origine di tutto: il negozio di Via Torino che dai gomitoli si è col tempo specializzato in abiti per taglie conformate. Ora Margherita, con evidente dispiacere, si trova a portare avanti la difficile decisione di accompagnarlo alla chiusura del quattro luglio. «Sono subentrati problemi di salute, dovrò subire un'operazione al ginocchio e non posso lavorare da sola, mio nipote ha un'altra attività che lo impegna molto e non può aiutarmi a gestirlo», afferma la proprietaria con evidente commozione. E prosegue raccontando del forte legame con la sua clientela: «Mi dispiace perché ho sempre avuto un grandissimo riscontro da parte della gente, nella grande distribuzione non ti guardano nemmeno in faccia e invece, qui la gente viene e può restare quanto vuole. Ho visto le mie clienti crescere, sposarsi, diventare mamme e nonne. Sono sempre stata una gran chiacchierona, sin da bambina non stavo mai zitta e quindi con me hanno sempre parlato e sono riuscita a guadagnarmi la loro stima, anche se non è stato semplice perché qui tutti hanno una grande conoscenza dei tessuti e sanno cosa stai vendendo». Margherita si riferisce alle competenze tessili acquisite di riflesso un po’ da tutti i biellesi in ragione della forza posseduta in quel settore dalla città, «forza che è andata perdendosi» sottolinea. Nonostante la crisi del tessile, la sua attività è però rimasta in piedi, grazie al sostegno della famiglia e di una clientela che è poi diventata una folta schiera di amicizie «Vengono qui e piangono con me perché chiudo, mi dispiace per questo, ma non posso fare diversamente. Ne approfitterò per dedicarmi al mio hobby più grande: la pallacanestro. Sono una grande sportiva» conclude sorridendo.

Maria Adelaide Pucci

Tags: lanerie meraviglia, chiusura attività

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia