Aggredita dal compagno in una stanza d'albergo

Donna massacrata di botte

Stampa Home
Articolo pubblicato il 08-11-2013 alle ore 19:24:44.
donna-massacrata-di-botte-560fa713e69ac3.jpg
Foto d'archivio

E’ stata letteralmente massacrata di botte dal compagno, che poi l’ha abbandonata, da sola, in una stanza d’albergo. E’ la drammatica vicenda accaduta a Francesca Marega, 33 anni residente a Sandigliano.  Ora si trova ricoverata all’ospedale “Sant’Andrea” di Vercelli. Le sue condizioni sono molto gravi, tanto che i medici, almeno per ora, hanno preferito riservarsi la prognosi. Il suo aggressore è Ion Nicolin, 38 anni di origine rumena ma residente a Cavaglià: l’uomo con cui, da poco più di un anno, aveva avviato un rapporto intimo. Molto intimo, tanto che i due periodicamente si recavano all’hotel “L’angolo”, di frazione Crocchio a Carisio per trascorrere qualche giorno d’amore. Ed è proprio da una delle stanza di quell’hotel a loro così famigliare che, giovedì pomeriggio, la donna ha chiesto aiuto.
I due  avevano effettuato il check-in mercoledì. Avrebbero dovuto lasciare la camera ieri. Ma quel soggiorno si è trasformato in un vero incubo. 
Avevano trascorso la notte tra mercoledì e giovedì insieme. Poi, il pomeriggio seguente,  Ion Nicolin è uscito per poco più di mezz’ora. Erano le 17 circa. Ed è proprio in quel breve, brevissimo lasso di tempo, che la donna ha chiesto aiuto. Con il telefono presente in camera ha composto l’interno della reception e ha detto di sentirsi male. Ha chiesto che fosse chiamata un’ambulanza.
La receptionist ha così immediatamente lanciato l’allarme e chiesto l’intervento del personale del 118. Poco dopo è rientrato il 38enne. Intanto sono arrivati i soccorsi. La donna è stata trasportata all’ospedale “Sant’Andrea” di Vercelli. Le sue condizioni sono, come detto, molto gravi.
Ion Nicolin, che è già conosciuto alle forze dell’ordine per trascorsi violenti, è stato portato in questura per accertamenti. Poi nei suoi confronti è scattato il fermo.
Senza parole il titolaredell’hotel di Carisio Massimo Maio, che insieme al fratello Alessandro gestisce il rinomato albergo: «Sono dubbioso - spiega - non abbiamo sentito nulla, non li abbiamo nemmeno sentiti litigare. Quello che è successo mi sembra assurdo. Mi dispiace davvero per la signora, è proprio una brava persona. Mi sembravano una bella coppia, molto discreta, gente perbene. Anche perchè altrimenti non li avremmo accettati qui: quando arriva gente che non ci piace cerchiamo di allontanarla».
Dalla Polizia di Vercelli nessun commento, nessun particolare trapela in merito a quanto accaduto: solo la semplice conferma che la drammatica vicenda è realmente successa. 

Tags: Redazione, Carisio

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia