Disoccupati biellesi, dalla Regione in arrivo 115mila euro

Per l'attivazione di cantieri di lavoro. La paga giornaliera sarà di 34 euro

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17-12-2015 alle ore 12:36:44.
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Nuovo ossigeno in Piemonte per i cantieri di lavoro, i progetti rivolti alle persone inoccupate o disoccupate in cerca di prima occupazione (oltre trecentomila persone, esattamente 303.200). Nella giornata di lunedì infatti, su proposta dell’assessore al Lavoro, Istruzione e Formazione professionale, Gianna Pentenero, è stata approvata una delibera in cui si stanziano tre milioni di euro, che verranno gestiti dall’Agenzia Piemonte Lavoro, da distribuire tra la Città Metropolitana di Torino e le altre Province del Piemonte in base alle rispettive situazioni di disoccupazione. Per quanto riguarda la provincia di Biella la somma relativa è di 115.600 euro calcolati in base a un’equazione che tiene conto della popolazione in età lavorativa (da 15 a 64 anni, 112.206 residenti), la disoccupazione allargata (11.000 persone) e la media ponderata (3.85 per cento).

I criteri stabiliti dalla giunta per la definizione dell’elenco dei disoccupati che possono aderire all’iniziativa sono tre: luogo di residenza (secondo il principio della prossimità al luogo di svolgimento dell’attività), maggiore età, valore Isee.

Grazie a questi fondi, coloro che sono iscritti nelle liste di disoccupazione e rispondono ai requisiti potranno essere impiegati dagli enti locali in attività forestali, vivaistiche e di rimboschimento montano, di sistemazione montana e di costruzione di opere di pubblica utilità. Nella delibera si precisa anche che il progetto di cantiere può essere integrato con azioni aggiuntive di formazione professionale finalizzate all’attività di cantiere, che siano anche professionalizzanti e spendibili successivamente sul mercato del lavoro.

L’indennità giornaliera dei cantieristi sarà di 34,25 euro per sette ore. Naturalmente questa cifra non può andare ad accumularsi a nessun altro ammortizzatore sociale.

Per quanto riguarda l’assegnazione dei tre milioni di euro alle provincie piemontesi i dati sono i seguenti: Alessandria 295.500 euro; Asti 148.500 euro; Biella 115.500 euro; Cuneo 307.500 euro; Novara 270.000 euro; Città Metropolitana di Torino 1.647.000 euro; Verbano Cusio Ossola 96.000 euro; Vercelli 120.000 euro.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia