I Giovani Musulmani hanno partecipato al flash mob di oggi

"Condanniamo chi si permette di uccidere nel nostro nome"

In testa al corteo per le vittime di Parigi c'erano loro: giovani, donne, musulmane. Presenti, senza il timore di "metterci la faccia", per testimoniare la loro condanna nei confronti di chi spara.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 10-01-2015 alle ore 00:00:00.
condanniamo-chi-si-permette-di-uccidere-nel-nostro-nome-560fdf7e38f903.jpg
"Condanniamo chi si permette di uccidere nel nostro nome"

In testa al corteo per le vittime di Parigi c'erano loro: giovani, donne, musulmane. Presenti, senza il timore di "metterci la faccia", per testimoniare la loro condanna nei confronti di chi spara. E non erano le uniche, dietro gli striscioni hanno infatti sfilato anche altre persone di religioni e colori della pelle diversi.

"Siamo qui oggi - spiega Khadija Elaouni, rappresentante della sezione biellese dell'associazione Giovani Musulmani - perché, nonostante l'Islam non c'entri nulla con questa barbarie, queste persone purtroppo hanno ucciso e commesso un'azione disumana in nome nostro. Perché urlavano "Allah è grande", anche se la nostra religione incita alla pace, non all'odio e nemmeno al razzismo, non a sgozzare chi ha una fede diversa. Maometto conviveva con cristiani ed ebrei".

Le ragioni della loro presenza erano sostanzialmente tre: "Innanzitutto - continua Khadija - condannare senza se e senza ma quanto successo, ma anche ribadire il valore della libertà d'espressione. Da credenti, non ci piace quando sfocia nella blasfemia o nella diffamazione, indipendentemente dal fatto che si parli di musulmani, ebrei, cristiani o fedeli di altre religioni, ma questa non può e non deve essere una giustificazione della violenza. Infine siamo qui anche perché vorremmo che questo triste episodio non diventasse il pretesto per strumentalizzazioni e facili campagne islamofobe".

Khadija non nega il pericolo del fanatismo: "Purtroppo - chiarisce - esiste, ma grazie a Dio a noi, nelle nostre comunità, non è mai successo di venirne a contatto. L'estremismo c'è e uccide anche e soprattutto i musulmani. I primi obiettivi degli estremisti sono proprio le persone come noi".

Tags: giovani musulmani, biella, flash mob, nous sommes tous charlie hebdo, charlie hebdo

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia