Voce di senza voce, la rubrica di Alberto Scicolone

Ciao Vera, te ne sei andata come una foglia d'autunno

Quando cade una foglia in autunno non fa rumore, Vera. Non stupisce, non lascia quel senso di incredulità che provoca la caduta di un giovane albero spezzato da un colpo di vento.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17-12-2014 alle ore 00:00:00.
ciao-vera-te-ne-sei-andata-come-una-foglia-dautunno-560fddc61214a3.jpg
Alberto Scicolone

Quando cade una foglia in autunno non fa rumore, Vera. Non stupisce, non lascia quel senso di incredulità che provoca la caduta di un giovane albero spezzato da un colpo di vento.

Cara Vera, ti devo queste righe perché sei stata una delle persone belle passate nella mia vita e non ne ricordo tante. Abitavi negli appartamentini del Belletti Bona e ho imparato a volerti bene nella mia breve parentesi di amministratore dell’istituto.

Ci sono in ogni momento della nostra vita energie che ci sfiorano. Alcune ci fanno male, altre non le sentiamo. La tua energia Vera mi dava gioia. Il tuo sorriso e quell’idea che la vita è bella ad ogni età, che esistono sempre attimi da gustare, assegni di felicità da scambiare in contanti di sorrisi da donare a chi la vita la vive senza sorridere.

Cara Vera, mi ricordo quando accompagnavo i nuovi ospiti del Focolare a vedere il tuo appartamentino, tenuto con amore, segnato dal bene dei tuoi figli.

Io nella mia presunta giovane età mi sentivo avanti negli anni rispetto a te. Le tue partite a carte con le amiche, le tue passeggiate per l’istituto. Di te non ricordo che quel sorriso e quel buongiorno Presidente.

Eh cara Vera, io non sono mai stato Presidente e nemmeno so il ruolo che io stesso ho nella mia vita, ancora di più oggi che anche il tuo sorriso mi ha lasciato a pensare al senso di tutte le lacrime che ho versato per non essere mai stato capace di vivere la vita come facevi tu.

Nessuno si stupisce se cade una foglia, ma chi ama il silenzio profondo del bosco sa che ogni foglia che si posa al suolo in autunno è stata specchio del sole nei mesi felici della vita.

Quando un sorriso si spegne fa male. Quando quel sorriso è vero e puro ancora di più.

Non aggiungo altre parole, cara amica mia. Queste righe, le lacrime che mi cadono mentre le scrivo sono tutte per te, Vera Liatti, ospite del Focolare, del Belletti Bona e…della mia vita.

Alberto Scicolone

Tags: Alberto Scicolone, Voce di senza voce, rubrica scicolone

Attualità

  • Dentro alla casa che fu di Aiazzone

    22-08-2017
    Karl Eberhard Alfred  è il nuovo proprietario di villa Reda, è un facoltoso tedesco sulla sessantina. Non vuole parlare di sé,...
  • Questa gattina cerca casa

    22-08-2017
    Si chiama Odolina ed è dolcissima. Si tratta di una gattina di quattro mesi trovata nei pacheggi del supermercato Coop. Curata e pulita attualmente...
  • "Non rispondete alle chiamate con prefisso 081"

    22-08-2017
    Le segnalazioni sono ormai numerose. Accanto alle mail truffa ci sono anche le telefonate che prosciugano il credito sul cellulare. A mettere in guardia...

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia