Il ricordo di Vittorio Barazzotto

Ciao Fede, ragazzo vero

Nella vita di un docente scorrono nella mente, a centinaia, i volti degli studenti. Per tutti c’è un pensiero, un ricordo, un aneddoto. Ma verso qualcuno è naturale a volte provare quel sentimento che si chiama empatia. Ed è il caso di Federico.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16-10-2014 alle ore 00:00:00.
ciao-fede-ragazzo-vero-560fd428f0fec3.jpg
Federico Chiarelli

Nella vita di un docente scorrono nella mente, a centinaia, i volti degli studenti. Per tutti c’è un pensiero, un ricordo, un aneddoto. Ma verso qualcuno è naturale a volte provare quel sentimento che si chiama empatia. Ed è il caso di Federico.

Da qualche tempo avevo in programma di tornare a Trivero per salutare allievi e colleghi verso cui nutro un profondo e sincero affetto. Fra gli studenti che avrei rivisto, e che ho accompagnato dalla prima, ho pensato che certamente avrei incontrato anche “Chiare”. Ci saremmo salutati e probabilmente ci saremmo presi in giro per il calcio, lui milanista io interista, come tutti i lunedì nei quali, con risultati altalenanti delle rispettive squadre, talvolta facevo finta di nulla io, altre invece lui.

Federico, un ragazzo come tanti alla sua età, con le sue debolezze e con la sua spiccata esuberanza. Con voglia di scherzare e di farsi ben volere. Era tutto ciò che può essere un giovane a diciannove anni: buono e dotato di senso di altruismo. Due qualità che di questi tempi non sono poca cosa. Un giovane che ha vissuto la vita affrontando alcune difficoltà, come l’anno da ripetere a scuola, un evento che può anche aiutare a crescere. E lui sicuramente era cresciuto. Aspetti che lo rendono vero. Forse più vero di altri.

La sua giovane vita è stata spezzata in un corto circuito che coinvolge anche un suo amico e quasi coetaneo. Un dramma nel dramma. Ma per questo ci saranno aule e processi, aspetti ed argomenti che lascio ad altri.  Ciò che oggi resta di struggente attualità è il dolore dei familiari, del papà e della mamma, degli amici, di chi l’ha conosciuto e apprezzato. Come al solito ci si chiede perché sia dovuta accadere questa tragedia ad un giovane. Disarmati, siamo costretti a demandare le risposte, che scivolano naturalmente ed inevitabilmente nel mare della disperazione e dell’irrazionalità.

Io invece voglio ricordare Federico com’era, e per un attimo astrarmi dalla triste realtà e accantonare la sofferenza, coltivare la speranza, la fede e la certezza che un giorno ci ritroveremo.
Ciao Fede.

Vittorio Barazzotto

Tags: federico chiarelli, ciao fede, coggiola, Pirata strada Coggiola, tragedia coggiola, vittorio barazzotto

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia