Scrive Edoardo Tagliani

Certo che odio la mia città

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17-04-2017 alle ore 18:38:34.
Certo che la odiano, la mia città 4
Edoardo Tagliani
Certo, che odio la mia città. Ci mancherebbe.
La domanda è piuttosto: perché mai non dovrei odiarla?
Altezzosa e accidiosa, piegata dentro superbe ruine. Tronfia di un passato morto e rimorto. Incapace di fare il domani.
Ci torno. Un paio di volte l'anno.
Aumentano i Suv di mamme ingioiellate che salgono i gradini delle scuole per proteggere bimbetti tanto imbecilli da non saper fare due metri di marciapiede da soli. Aumentano i cretini che si lamentano del traffico. Il traffico. Quattro minuti al massimo, in ora di punta, alla rotonda di via Carso.
Il traffico.
Aumentano gli idioti che han paura dei criminali. Nella provincia più sicura d'Italia. E probabilmente del mondo.
Ragliano, gli idioti.
Non mi attardo sui migranti, i suicidi, i barboni. Altrimenti dovrei scrivere sino alla tomba.
Ero abituato, per mestiere e piacere, al caffè del bar. Sette e qualche, al mattino. Almeno tre quotidiani e due locali. Un espresso doppio e acqua minerale. Il mio piacere sottile dopo l'alba. Adesso compro i giornali, torno a casa e mi faccio una moka. Perché al bar è impossibile. O esco, o picchio tutti. Ma seri, li picchio. Da fagli male davvero. "Sti negri di merda" è la frase più gentile davanti al cappuccino. E allora prendo la porta e cerco il mio altrove.
Sti negri di merda sono i miei amici, i miei colleghi, la mie gente da 20 anni. Negri, musulmani, arabi, sunniti, sciiti, alawiti, yazidi, hutu, tutsi, barega, creoli, coopti, protestanti, cattolici. E mille altri.
La mia città. Ovvio, che la odio. Piccola. Inutile. Coi pensieri minimi di un verme autistico, che anche a strisciare, fatica. Convinta di poter vivere, ignara del morire dietro l'angolo. Persuasa che la Terra sia piatta e finisca a Brusnengo.
Odio la mia città perchè odio gli ottusi. Perchè gli ottusi minacciano i miei figli. Perchè gli ottusi, storicamente, han fatto la guerra e mai la pace. Perchè gli ottusi pensano di saper pensare.
E invece ciarlano. E ciarlando, ammazzano. Gli uomini e i pensieri, ammazzano.
Io li odio, gli ottusi. Ecco perché odio la mia città. Perché quando la prendi per mano e la porti fuori, le proponi di fare due passi dentro al resto, lei scoreggia, ti sputa e si rintana sul Mucrone.
Io la odio, la mia città. Perché è la negazione plastica, testarda e ignorante di ogni possibile futuro.
E io ne ho a basta, di superbe ruine. Io ho voglia di futuro.
Crepi, la mia città. Nello sprofondo delle sue superbie.
Edoardo Tagliani

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 13-09-2017
Sorpreso in auto con droga, non aveva patente, assicurazione e revisione 3 Sorpreso alla guida di un'autovettura in possesso di un piccolo quantitativo di droga, a seguito degli accertamenti da parte degli agenti della Questura...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

Rubriche della provincia