Delmastro vuole sapere che succede a Biella ora che nati e morti vengono registrati a Ponderano

Cala il lavoro per l’ufficio anagrafe

Bimbi e bimbe nati nel nuovo ospedale verranno alla luce sul suolo di Ponderano, ed é dunque all'anagrafe del piccolo comune biellese che verranno registrati.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 04-12-2014 alle ore 00:00:00.
cala-il-lavoro-per-lufficio-anagrafe-560fdd2e16c283.jpg
Cala il lavoro per l’ufficio anagrafe

Bimbi e bimbe nati nel nuovo ospedale verranno alla luce sul suolo di Ponderano, ed é dunque all'anagrafe del piccolo comune biellese che verranno registrati. Cosí é stato per Zoe, nata la scorsa settimana, primo fiocco rosa al nuovo Degli Infermi e primo capitolo di questa nuova impegnativa era per gli uffici ponderanesi. “L'ufficio anagrafe e servizi demografici dovrà occuparsi di tutti i nati nel nuovo ospedale e anche dei morti - ha chiarito Elena Chiorino, sindaco di Ponderano - sarà un lavoro notevole ma non ci spaventiamo, anche perché potremo contare sull'aiuto di un dipendente della Provincia, impiegato qui da noi in cambio della manutenzione di una strada provinciale”.

Ponderano si organizza. Ma all'anagrafe di Biella? Con questo passaggio di consegne gli impiegati biellesi resteranno senza lavoro? É quello che si chiede Andrea Del Mastro, consigliere di Fratelli d'Italia, che in un'interrogazione al sindaco e all'assessore competente esige chiarimenti su come verrà impiegato il personale dell'ufficio in questione, ora che il carico di lavoro subirà per forza di cose un calo.

Le "numerose risorse umane" additate da Del Mastro non sarebbero che quattro persone: tanti sono gli impiegati attualmente destinati all'ufficio di stato civile, quella sezione dell'ufficio anagrafe che si occupa non solo della registrazione di nascite e decessi, ma anche di matrimoni o movimenti della popolazione. Pochi e impegnati su piú fronti, abbastanza da non restare con le mani in mano ora che l'ospedale si é spostato a altrove.

“Le assunzioni sono bloccate da anni, siamo di fronte ad una fame di dipendenti in tutti i settori tale da non poter certo parlare di spreco di risorse - é il commento di Fulvia Zago, assessore ai servizi demografici e al coordinamento e organizzazione degli uffici - Si libereranno delle ore di lavoro che saranno ridestinate all'ufficio elettorale, dove ci sono stati di recente un pensionamento e un decesso”. Tradotto: una delle quattro persone che fino ad oggi lavorava nell'ufficio che non solo di registrare nati e morti si occupa si trasferirà per alcune ore la settimana in un ufficio diverso, andando a sostituire non una ma due persone.

“L'ufficio di stato civile si occupa di molte altre cose, e di certo in una città delle dimensioni di Biella non si trovava a registrare migliaia di nascite al giorno. Per questo non si libereranno che alcune ore di lavoro settimanali, durante le quali la risorsa in questione verrà reimpiegata dove ce n'è bisogno”.

Gaia Quaglio

Tags: ufficio anagrafe, biella, ponderano, Andrea Delmastro, fulvia zago, Elena Chiorino

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia