La disavventura di Dasha Kovalenko in Puglia

Animalista picchiata e minacciata di morte

Picchiata e minacciata a 1.000 chilometri da casa. Questa è la disavventura in cui si è imbattuta una giovane di 29 anni, Dasha Kovalenko, residente a Mongrando e attivista della Liv. Il suo amore per i cani l’ha portata a spingersi fino a Cerignola, in P

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09-10-2014 alle ore 00:00:00.
animalista-picchiata-e-minacciata-di-morte-560fd3af701bc3.jpg
Dasha Kovalenko

Picchiata e minacciata a 1.000 chilometri da casa. Questa è la disavventura in cui si è imbattuta una giovane di 29 anni, Dasha Kovalenko, residente a Mongrando e attivista della Liv (Lega internazionale di vigilanza per la tutela degli animali e l’ambiente). Il suo amore per i cani l’ha portata a spingersi fino a Cerignola, in Puglia. Qui ha perfino sacrificato le sue vacanze, per poter aiutare un canile giunto ormai al collasso. «Ho deciso di recarmi al rifugio “Amici di Balto” – spiega - per portare del cibo e dare una mano ai volontari. Su problemi come il randagismo o l’abbandono di animali, purtroppo, una volta che si oltrepassa Rimini sembra di entrare in un altro paese. I comuni si disinteressano totalmente al destino dei randagi e ai canili, e non procedono nemmeno alle sterilizzazioni necessarie, come di norma capiterebbe da noi. Il risultato è un aumento senza controllo di povere bestie, condannate a una vita di sofferenze».

Dasha Kovalenko racconta di un canile al limite dell’esplosione, che non può più nemmeno intestarsi gli ultimi cuccioli nati. I volontari del rifugio abbandonati a loro stessi, con quasi cento cani da accudire, e il disinteresse totale degli amministratori che invece avrebbero il dovere di intervenire. Un sindaco che è introvabile, ed un paese (Cerignola appunto) pieno di persone altruiste e volenterose, ma anche di delinquenti e pregiudicati senza scrupoli.

«Non avevo ancora mai assistito a niente di simile – racconta – e non potevo accettare che i cuccioli in eccesso si sarebbero dovuti trasferire al canile comunale. Una volta là dentro, infatti, sarebbero stati messi in gabbia con cani già grandi, e quindi condannati a morte».

I guai per la ragazza cominciano però quando decide di rivolgersi ad un suo conoscente in città. L’obiettivo doveva essere quello di rintracciare il sindaco e convincerlo ad avviare le sterilizzazioni dei cani, per cercare di arginare il problema. Ma proprio quel conoscente, che all’inizio aveva ispirato tanta fiducia, si rivela tutto d’un tratto un vero mostro.

«Sembrava gentile – racconta la ragazza - ma rispondeva che non si poteva far nulla ed era inutile cercare il sindaco. Poi quando mi sono permessa di dire, esasperata, che se il sindaco non mi avesse ricevuta sarei stata costretta a denunciarlo in Procura, si è improvvisamente trasformato e ha iniziato a colpirmi ed insultarmi». L’attivista della Liv, riporta frasi come “animalista di m...”, ma anche affermazioni chiaramente intimidatorie come “qui siamo tutti amici, e se rompi le palle a uno, te la facciamo pagare tutti”.

«Mi ha schiaffeggiata - prosegue -, presa per i capelli e trascinata a terra. Credevo di non uscirne più viva. Poi, come se non bastasse, mi ha pure minacciata di morte se solo avessi raccontato a qualcuno l’accaduto». Dasha Kovalenko ora ha paura e non vuole denunciare il suo aggressore, per il rischio di ritorsioni: «Sa dove abito – dice – e con una figlia piccola non me la sento. Ho sentito troppe persone in quella città vantarsi di essere pregiudicati e sentirsi intoccabili».

Ora, superato questo brutto episodio, la ragazza sta ancora cercando di contattare il sindaco tramite una lettera inviata dall’associazione a cui appartiene, e continua a lottare per il futuro dei cani randagi che ha conosciuto durante il suo viaggio. «Settimana scorsa – conclude - siamo riusciti a dare in adozione altri sei cuccioli, ma la strada è ancora lunga. Non è possibile guardare questi poveri cani che vagano malati e denutriti per le strade, per poi girarsi dall’altra parte a ridere e scherzare, facendo finta che siano invisibili. E’ un atteggiamento che non accetterò mai, e continuerò sempre a lottare per loro, costi quel che costi».

Marco Comero

Tags: dasha kovalenko, animalista biellese micchiata e minacciata, puglia, liv

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia