I rossoblù ospitano Barcellona e puntano a sbloccarsi dopo i ko con Agrigento e Casale

Angelico a caccia dei primi due punti

Carrea: «La tensione fa parte del gioco, bisogna gestirla. Evitiamo però eccessive pressioni»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18-10-2015 alle ore 11:48:55.
Angelico a caccia dei primi due punti 2
Angelico a caccia dei primi due punti 2

Ok, calma e gesso. Una partita alla terza giornata di stagione regolare non potrà mai, e ripetiamo mai, essere decisiva. Sgomberiamo subito il campo da qualsiasi eccesso.

Importante, senza dubbio, ma appunto decisiva no. Non lo sarà Angelico Biella-La Briosa Barcellona, sfida in programma oggi al Forum (palla a due alle 18). I rossoblù non hanno iniziato troppo bene il campionato 2015/2016, collezionando due sconfitte nelle prime due uscite. Ma è innegabile come di fronte si siano trovate altrettante rivali (Agrigento e Casale) di alto livello, per di più forti di un roster per larga parte confermato rispetto all’anno passato e con elementi di grande esperienza. Biella, di contro, è una squadra ancora tutta da rodare, con giocatori giovani in ruoli chiave e per di più con una nuova guida tecnica. Ci vogliono tempo e pazienza perchè tutti i meccanismi siano oliati a dovere.

La chiave del match sarà molto probabilmente l’aspetto emotivo, che l’Angelico ha patito in occasione dell’esordio di quindici giorni or sono contro Agrigento. Servirà dunque grande sostegno da parte del pubblico, di tutto il pubblico.

«In questi giorni abbiamo improntato il lavoro tecnico cercando di correggere quei problemi di selezione dei tiri nei momenti chiave dell’incontro - spiega Michele Carrea -. L’attenzione è stata posta sul diverso significato di un possesso rispetto a un altro. Ma è chiaro come si debba migliorare anche in altri momenti, come le spaziature e le collaborazioni offensive. Per ciò che concerne invece l’aspetto mentale, credo che a Casale la squadra abbiamo avuto una buona presenza. La prestazione è stata attenta e volitiva e mi è pertanto parso che le sensazioni, le chiacchiere e i mormorii successivi al derby non siano stati coerenti con lo sforzo profuso dal gruppo. Del resto non bisogna dimenticare cosa è stato detto nel corso di tutta la pre-season e quali sono gli obiettivi di quest’anno. Ci vuole equilibrio nei giudizi».

Logico attendersi anche una risposta da Marcel Jones, dopo la panchina degli ultimi dieci minuti del PalaFerraris. «La sua reazione c’è già stata in allenamento - conclude Carrea -. Ma vorrei sottolineare come non abbiamo mai dato l’impressione di non tenerci. A Casale, ad esempio, non è che non ci abbia provato, ma ha provato e ha sbagliato. Sono due cose ben diverse. Ora ha cambiato approccio. Si tratta comunque di un segnale importante per tutti i compagni non solo per lui, perchè gioca solamente chi dà il massimo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia