I rossoblù superati solo nel finale in casa della Moncada

Angelico ko in volata ad Agrigento

Dopo la sosta per la Coppa Italia riparte il campionato di serie A2 Gold. Trasferta in Sicilia per Pallacanestro Biella.

Stampa Home
Articolo pubblicato il 15-03-2015 alle ore 00:00:00.
angelico-ko-in-volata-ad-agrigento-560fe6032bdd83.jpg
Laquintana e compagni sono stati penalizzati dal ko di De Vico e dalla precarie condizioni di Voskuil

Dopo la sosta per la Coppa Italia riparte il campionato di serie A2 Gold. Trasferta in Sicilia per Pallacanestro Biella, che affronta la neopromossa Moncada Agrigento.

Alan Voskuil c'è. E questa è senza dubbio la notizia più bella per i tifosi, dopo una settimana alle prese con le placche in gola e i cronici problemi alle caviglie e alle spalle. E' incerottato ma c'è.

E pure la partenza non è niente male, con Raymond e Lombardi a confezionare il 5-0 con cui si aprono le danze al PalaMoncada. Non c'è però Niccolò De Vico - costretto a letto dall'influenza - davvero un bel problema per coach Corbani, che concede dunque minuti, spazio e fiducia a Domenico Marzaioli, anche perchè dopo meno di 6' la squadra è già in bonus e la Moncada, spinta da Dudzinki e Piazza ha trovato il pareggio a quota 13. E' Saccaggi in uscita dalla panchina a permettere ai padroni di casa di sorpassare, con cinque punti consecutivi firma il 20-17 che chiude la prima frazione di gioco.

In avvio di secondo quarto è Agrigento, che pure allunga a +5 ancora con Piazza, ad avere problemi di falli, trovandosi in bonus quando non sono ancora passati 3'. Raymond inizia a farsi sentire e così Biella torna in parità sul 24-24 al 15' e proprio con il decimo punto del suo numero 15 - primo giocatore in dopoia cifra del match - rimette il naso avanti sul 26-24. Subito Williams a rispondere, ma questa volta tocca a capitan Infante prendere i compagni per mano e a cronometro fermo mette due possessi Biella e Agrigento (30-26). E' un Infante "on fire" quello che mette anche la tripla del nuovo +4 quando manca 1' all'intervallo lungo (33-29). Ancora un canestro di Agrigento sull'ultima azione, così le due squadre rientrano negli spogliatoi con l'Angelico avanti 33-31.

Dopo un primo tempo nel quale l'Angelico ha sparato quasi a salve da oltre l'arco, l'inizio di ripresa porta a tre bombe di fila dei rossoblù, firmate da Laquintana, sempre Infante e Voskuil. Un break che vale il primo vantaggio in doppia cifra del match sul risultato di 46-35 al 24'. Sono soprattutto il rookie Williams e l'esperto Evangelisti a permettere alla Moncada di restare aggrappata alla partita. A tenere banco sono però sempre i falli: Lombardi è costretto a sedere in panchina con quattro falli a carico, ma c'è chi sta peggio di lui èed è De Laurentiis, che ne ha commessi cinque in 10'. Appoggiandosi al suo playmaker, Alessandro Piazza, Agrigento torna prepotentemente a farsi sotto, riportandosi sul -3 in chiusura di terzo periodo.

L'ultimo quarto si apre dunque sul risultato di 52-49 per Biella, un possesso pieno di vantaggio per i rossoblù. Il primo canestro della frazione porta la firma di Evangelisti e vale il -1. Raymond e Laquintana permettono agli ospiti di tornare a +5, ma è solo un momento, sono io solito Evangelisti e Saccaggi a guidare la nuova rincorsa che vale il pareggio a 60. Si preannuncia un arrivo in volata, come tante altre volte nella stagione biellese. E' sempre il capitano Luca Infante a caricarsi sulle spalle la squadra, segnando il canestro del +3 (65+62 al 35'30"), mentre dal'altra parte è il talento di Evangelisti a fare male alla difesa rossoblù. E proprio un canestro del numero 7 permette alla Moncada di tornare avanti dopo tanti minuti spesi a rincorrere (66-65 al 37'). Evangelisti è quasi immarcabile e segna pure il punto numero 22 della sua partita per il +3 Agrigento, che allunga subito dopo con Udom (70-65 quando mancano 2'30" alla fine). Un dato salta però all'occhio: 8 Biella-2 Agrigento i falli fischiati in questo ultimo quarto (25 Agrigento-9 Biella il computo dei liberi tirati), con lo stesso Evangelisti a capitalizzare al massimo dalla linea della carità e Lombardi costretto a guardare gli ultimi minuti a fianco del coach. La tripla di Saccaggi chiude forse definitivamente la contesa, segnando il 73-67 quando mancano 63 secondi alla sirena del 40'. Il divario non cambia più e pertanto la gara termina con il successo della Moncada: finisce 76-70.

Tags: Angelico, pallacanestro biella, moncada fortitudo agrigento, serie a2 gold

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia