Micro incisioni e tempi di degenza più brevi

Aneurisma dell’aorta addominale: a Biella il trattamento è mini invasivo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 30-09-2016 alle ore 11:37:01.
Aneurisma dell’aorta addominale: a Biella il trattamento è mini invasivo 2
Aneurisma dell’aorta addominale: a Biella il trattamento è mini invasivo 2

Da alcune settimana al via gli interventi con l’approccio endovascolare. Micro incisioni e tempi di degenza più brevi. Una tecnica moderna ed efficace di cui i pazienti adesso possono beneficiare. 

 

La chirurgia vascolare a Biella è mini invasiva. È stata inaugurata già da alcune settimane nell’ospedale di Biella una nuova stagione dedicata al trattamento degli aneurismi dell’aorta addominale con il metodo endovascolare. Nei giorni scorsi il dott. Enzo Forliti, neo direttore del reparto di chirurgia vascolare, ha eseguito questo tipo di intervento valorizzando una tecnica già in uso in altre realtà ma non ancora utilizzata a Biella.

 

L’aneurisma dell’aorta addominale è un rigonfiamento di un vaso; interessa in particolare il tratto di aorta al di sotto delle arterie renali. Con la tecnica mini invasiva l’aneurisma viene eliminato senza il classico approccio chirurgico “in open” che prevede l’incisione della cute, ma accedendo con un dispositivo flessibile (chiamato appunto endoprotesi) da un’arteria periferica. Una procedura che viene eseguita sempre sotto controllo radiologico e che consente, con l’apporto delle immagini e della tecnologia, di agire e curare a distanza “navigando” dentro le arterie. Generalmente questo tipo di intervento può essere eseguito con una anestesia spinale o locale.

Un approccio chirurgico, quello endovascolare, che di certo avvantaggia il paziente perché realizzato mediante micro-incisioni inguinali; così si può contare anche su un decorso post operatorio più breve, evitando cure intensive.

 

Una patologia, l’aneurisma dell’aorta addominale, che ha una incidenza compresa tra il 4% e l’8% negli uomini e tra lo 0,5 e l’1% nelle donne con età superiore ai 60 anni.

La chirurgia endovascolare da circa vent’anni si affianca a quella classica. In prima battuta tale trattamento veniva riservato solo a quei pazienti, per lo più anziani, che non potevano affrontare un intervento. Oggi rappresenta invece un’alternativa terapeutica che permette al chirurgo di personalizzare il trattamento in base alle caratteristiche del paziente. Nel corso del tempo sono stati moltissimi i progressi fatti, sia sul piano dei materiali utilizzati, sia nella pratica clinica.

 

È importante sottolineare che l’ultima parola sulla scelta della tecnica da utilizzare – se quella tradizionale o endovascolare – spetta comunque al chirurgo; sarà lui a valutare in base al quadro clinico e alle caratteristiche dell’aneurisma.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia