Anche Biella piange la morte di Lomu

La notizia del decesso del campione neozelandese ha scosso tutto il mondo della palla ovale

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19-11-2015 alle ore 16:08:03.
Lomu insieme al biellese Filippo Musso
Lomu insieme al biellese Filippo Musso

Il mondo del rugby è in lutto. E’ scomparso nelle prime ore di mercoledì mattina - a Auckland, in Nuova Zelanda - Jonah Lomu. La leggenda della palla ovale era malata da tempo, sindrome nefrosica. Causa ufficiale del decesso, a soli 40 anni: un banale infarto.

Il numero undici degli All Blacks è stata la prima vera star internazionale del rugby, ispirazione per generazioni di giovani che, impressionati dalle sue performance sul campo, hanno cercato di emulare l’incredibile atleta che era.

Fuori dal campo, Lomu era tutt’altro che una star, umile e disponibile con tutti, non ha mai rifiutato un’intervista o deluso i tifosi, grandi e piccini, che riconoscendolo, gli chiedevano foto e autografi. Rammenta uno di questi momenti Cesare Maia, consigliere del Biella Rugby, che lo incontrò per tre volte in occasione dei terzi tempi della nazionale italiana: saluti, strette di mano e grandi sorrisi erano per tutti. Non deluse neppure un giovanissimo Filippo Musso, quando nel 2004 lo vide a Roma, allo stadio Flaminio. Lomu era già ammalato, ma non negò un saluto e l’autografo sul biglietto della partita al suo giovane fan.

Callum McLean, dal canto suo, ne conserva il ricordo più vivo: “Nel ’93 lo incontrai come avversario, ad un torneo scolastico di rugby a sette - racconta il coach gialloverde -. Era impressionante, gigantesco e velocissimo. Il suo nome era quello che tutti pronunciavano quando si parlava di “uomo da battere”, ma nessuno riusciva a fermarlo. L’anno dopo, a soli 18 anni, indossava già la maglia degli All Black. L’ho rivisto a Roma, tra il pubblico del Flaminio, ma non chiesi autografi, noi neozelandesi siamo persone riservate”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia