Attenzione, però: essendo amata dai camporellisti, lo è anche dai guardoni

Amore all'aperto, la meta preferita dai biellesi è la Burcina

Tra gli itinerari proposti, quello per eccellenza è sicuramente la Burcina. Ormai divenuto il principale sinonimo di camporella biellese, il parco è seminato di pannelli informativi, in grado di orientare i forestieri verso il tipo di flora preferita, uti

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21-08-2015 alle ore 10:09:41.
amore-allaperto-la-meta-preferita-dai-biellesi-e-la-burcina-560ff3438169a3.jpg
Amore all'aperto, la meta preferita dai biellesi è la Burcina

Una ventina di itinerari descritti nei minimi dettagli. Con questa impostazione, i due autori di "Sentieri selvaggi" hanno illustrato i luoghi della camporella biellese. Vi è una “scheda” per ogni metà, che si apre con una piccola tabella, contenente le principali caratteristiche dei luoghi da esplorare. Ci sono informazioni di ogni genere, come gli aspetti morfologici, i tempi di percorrenza e i livelli di difficoltà per raggiungere le mete, nonché i periodi più adatti a precorrere i tragitti. Uno spazio è poi dedicato ai cosiddetti “motivi di interesse”.

«Si tratta di un elenco di pretesti culturali – scrivono gli autori – per affrontare al meglio l’escursione. Così, se si è documentati si fa bella figura, mascherando le vostre reali intenzioni!» Tutti i luoghi sono descritti nei minimi dettagli. La fauna e la flora da ammirare, l’abbigliamento da indossare e i punti in cui “piazzarsi” per avere un po’ di intimità. Il racconto è intrigante e scorrevole.

Tra gli itinerari proposti, quello per eccellenza è sicuramente la Burcina. Ormai divenuto il principale sinonimo di camporella biellese, il parco è seminato di pannelli informativi, in grado di orientare i forestieri verso il tipo di flora preferita, utilizzando diversi percorsi. Essendo però una meta di camporellisti, lo è anche per i guardoni. Viene raccomandata quindi la massima attenzione.

Ma non c’è nemmeno bisogno di avventurarsi troppo in campagna, quando cala la notte. I giardini e i parchi cittadini, diventano col buio estremamente tranquilli ed intimi. E i migliori in proposito, sembrano quelli di Palazzo Ferrero al Piazzo. Qui, tra altalene e cespugli di biancospino, si ha tutto lo spazio necessario. Rimane altrimenti da salire in montagna, o scendere verso la pianura. Nel primo caso, i percorsi migliori sono il Tracciolino di Oropa (dove l’atto di “imboscarsi” può compiersi nel suo significato letterale) oppure le pendici del Monte Cucco, dove nemmeno l’automobile può avventurarsi. Nel secondo, si può scegliere tra le radure della Baraggia di Candelo e le rive del Cervo a Mottalciata, dove la vegetazione permette ancora di appartarsi in pianura. Se si desiderano poi mete particolari o monumentali, anche queste non mancano: il castello di Zumaglia, il laghetto di Bertignano, la chiesetta di San Secondo a Magnano, il santuario di San Giovanni di Andorno. E ancora molti spazi estesi, come la Bessa, la valle del torrente Ingagna, il colle di San Grato a Sordevolo, il Monte Castro, il Monte Rubello, le Rive Rosse e l’Alpe Noveis. Luoghi che a volte vengono dimenticati, ma proprio per questo, utili per chi abbia particolari intenzioni.

Al termine del manuale, un “epilogo” aiuta a capire se l’escursione sia andata realmente a buon fine. Gli innamorati avventurieri devono rispecchiarsi in frasi come «Avete perquisito ogni prato ed esplorato ogni bosco?», oppure «Quel fruscio era una volpe o una vipera?».

Infine, da non farsi sfuggire, tra le pagine del libro, un breve decalogo del camporellista. Una sorta di dieci comandamenti, da tenere sempre a mente per chi ama “l’amore in erba”, come «onora il prato e la macchia» e «non dimenticare… la gomma di scorta».

Tags: camporella, biellese, sentieri selvaggi

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 07-01-2017
Biella: minori ubriachi danneggiano le auto in sosta 3 Tre ragazzini sono stati denunciati dalla Polizia per danneggiamento e minacce a pubblico ufficiale, dopo essere stati sorpresi ubriachi da una pattuglia...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 19-03-2017
Sono giorni che le cronache raccontano della recente visita del capo della Lega a Napoli e del corteo che ha attraversato la città con una coda...
Post Del 28-12-2016
Lele Ghisio Quanto siamo buoni in vista dell’imminente Natale (che sì, per alcuni è anche minaccia imminente nel campo delle emozioni e del traffico...

I più letti

Rubriche della provincia