XII Giornata mondiale contro il cancro infantile

All'ospedale il lancio dei palloncini della speranza

Stampa Home
Articolo pubblicato il 13-02-2014 alle ore 17:45:02.
allospedale-il-lancio-dei-palloncini-della-speranza-560fa5f5ab8a03.jpg
Il momento del lancio dei palloncini nel cortile del reparto di Pediatria

Anche l’Ospedale degli Infermi ha aderito, questa mattina, al lancio di palloncini promosso dalla Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica (FIAGOP onlus), nell’ambito della “XII Giornata Mondiale contro il cancro infantile” che ricorrerà sabato 15 Febbraio.

Nel cortile del reparto di Pediatria, alle 11, contemporaneamente ad altri ospedali, scuole e piazze d’Italia che hanno aderito all’iniziativa, alcuni medici, infermieri e volontari delle associazioni locali si sono ritrovati per lasciar volare i palloncini bianchi. Un gesto per simboleggiare “il lancio della speranza verso l’alto” e l’unione d’intenti tra strutture sanitarie, associazioni, istituzioni e fondazioni presenti nel nostro Paese, finalizzata a migliorare i percorsi di cura di adolescenti e giovani adulti che si trovino costretti a combattere contro il cancro. Un messaggio di solidarietà, di speranza e di sensibilizzazione sul tema delle patologie tumorali negli adolescenti e sulla necessità di migliorare costantemente cure e assistenza.

Il lancio di palloncini presso il “Degli Infermi” è avvenuto con la collaborazione di operatori e volontari, ricercatori appartenenti ai reparti di Pediatria, Oncologia, Psicologia ospedaliera dell’ASL BI, nonché di altre realtà locali quali il Fondo Edo Tempia, il Laboratorio “Toccar con Mano”, AIL Biella-Fondazione Clelio Angelino, Associazione ABIO, Associazione “Il Naso in Tasca”, Croce Rossa di Biella e i Servizi territoriali per minori. Erano presenti, oltre a Franco Garofalo (Direttore della Pediatria), anche Roberto Jura (Direttore del Dipartimento Materno-Infantile), Alberto Clerico (Direttore dell’Oncologia), Mirco Pultrone (Direttore facente funzione della Medicina Nucleare).

Mentre il bambino affetto da tumore viene ormai seguito in ogni centro che si occupi di oncologia infantile, secondo protocolli standardizzati e condivisi nel contesto delle reti di cura nazionali, per adolescenti e giovani adulti con patologie oncologiche esiste un problema di accesso alle cure di eccellenza e di arruolamento in protocolli clinici idonei. Spesso i ragazzi corrono il rischio di trovarsi in una “terra di nessuno” tra il mondo dell’Oncologia pediatrica, dove esistono limiti di età che impediscono, talvolta, l’accesso ai centri per pazienti di 18, 16 e in diversi casi anche di 14 anni, e il mondo dell’Oncologia medica dell’adulto, dove non è diffusa, in genere, una specifica esperienza per curare patologie rare e particolari come quelle che insorgono nella fascia d’età adolescenziale.

L’Ospedale degli Infermi è dotato di una serie di servizi per i giovani pazienti affetti da queste malattie. Nello specifico, la Struttura Complessa Pediatria dell’ASL BI è Unità Satellite della Rete di Onco-Ematologia pediatrica della Regione Piemonte; tratta i casi in stretta collaborazione con l’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, che è il centro regionale di riferimento della Rete. La Pediatria dell’ASL BI è dotata di locali di degenza e di Day-Hospital attrezzati dalla Fondazione Clelio Angelino di Biella e dedicati ai pazienti, più o meno piccoli, affetti da tumore; la struttura è anche collegata in rete con centri di terzo livello per gli accertamenti e le terapie specialistiche, in modo da consentire a pazienti e famiglie il minimo disagio e garantire i massimi livelli qualitativi nella gestione dei pazienti stessi.

La collaborazione con il Centro di Oncologia Pediatrica dell’Ospedale Regina Margherita di Torino produce anche rapporti ed interscambi finalizzati al mantenimento di livelli professionali all’altezza dei centri di riferimento per il personale sanitario che opera nella Pediatria biellese.

La Pediatria del “Degli Infermi” è diretta da Franco Garofalo, coadiuvato da otto medici tra pediatri e neonatologi. E’ suddivisa in due sezioni: Pediatria (Pronto Soccorso, reparto, ambulatori e day Hospital) e Neonatologia (Nido e Terapia Intensiva Neonatale), quest’ultima sotto la responsabilità della neonatologa Anna Perona.

Tags: Redazione

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia