In programma il 26 ottobre

Al Santuario di San Giovanni d'Andorno... A bagno nella Belle Epoque

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14-10-2013 alle ore 10:42:28.
al-santuario-di-san-giovanni-dandorno-a-bagno-nella-belle-epoque-560fa32329e2a3.jpg
Un'immagine d'epoca di Oropa Bagni

La Fondazione Opera Pia Laicale del Santuario di San Giovanni d’Andorno, in collaborazione con la Casa Museo dell’Alta Valle Cervo, con la partecipazione di tutti i Comuni della Bürsch e con il patrocinio dei Santuari di Oropa e Graglia, a conclusione della stagione culturale estiva, propone per il 26 ottobre la serata "A bagno nella Belle Époque. Storia e storie idroterapiche dalle parti di Biella tra Otto e Novecento".

L’iniziativa è curata da Anna Bosazza, Danilo Craveia, Elisa Pozzo ed Emanuela Romano. Le immagini d’epoca proiettate durante la serata appartengono ai fondi fotografici gentilmente concessi per l’occasione da Fondazione Sella, Biblioteca Civica di Biella, Centro Studi Generazioni e Luoghi e da numerosi privati.

L’incontro è previsto per le ore 18,30 all’interno della chiesa del Santuario

In un alternarsi di voci, verrà proposto il tema idroterapico, come se si stesse chiacchierando, non diversamente da come si farebbe se ci si trovasse nel salone di uno dei grand hotel dell’epoca.

 

«L’idroterapia, così come la descrive il dottor Scipione Vinaj, direttore dello stabilimento di Andorno - spiega Danilo Craveia -, ritempra la fibra umana disfatta nella tormentosa battaglia dell’esistenza. E’ la natura che porta forza e calma, dove le artificiosità esaurienti del godimento, gli sforzi sproporzionati e gli strapazzi della mente hanno creato debolezza e ipereccitabilità».

«Quindi, in parole povere - continua -, lo scopo era curarsi con l’acqua e l’idroterapia ha davvero una piena accezione terapeutica. Alcune malattie si possono sconfiggere con l’acqua o, nella maggior parte dei casi, l’acqua può aiutare a lenire sofferenze acute o patologie croniche. Con l’andar del tempo, però, l’idroterapia assume anche un’altra connotazione, forse quella che maggiormente le si addice, quella che più anticamente le si può assegnare. L’idroterapia diventa pratica di benessere. Non si tratta più di guarire dal male, ma di partire dallo star bene per arrivare a stare ancora meglio. L’idroterapia era una cura per il corpo, ma anche e soprattutto una cura per la mente, per l’anima e per lo spirito. Oggi diremmo quasi uno stile di vita».

«Quando l’umanità o, meglio, una parte dell’umanità si può permettere il lusso di coltivare il piacere, di godere il non strettamente necessario alla pura e semplice sopravvivenza, di concedersi non solo l’essere, ma anche il benessere in senso sociale, ossia diffuso e non solo per pochissimi eletti - conclude -, allora ci si trova di fronte a quello che, nel bene e nel male, chiamiamo civiltà. D’altro canto acqua e civiltà sono intimamente connesse. La civiltà è accesso all’acqua. La civiltà è governo dell’acqua. Ce lo insegnano gli antichi e ce lo rammenta l’Ottocento, l’epoca in cui si è formata la nostra civiltà, l’epoca dell’energia idro-motrice e idro-elettrica, l’epoca dell’idroterapia».

Al termine dell’incontro, aperto a tutti ed gratuito, sarà possibile partecipare alla cena idroterapica presso il ristorante Cadafé in Santuario, al prezzo di 25 Euro, prenotando al 3387970834 o al 015 60007 o scrivendo a wellcome@cadafe.it.

La cena sarà ispirata ai menu d’epoca proposti negli stabilimenti idroterapici, giunti fino a noi e liberamente reinterpretati dal cuoco del ristorante del Santuario, che da giugno 2013 ha visto insediarsi la nuova gestione. Un sottofondo musicale Belle Époque allieterà i commensali.

Per info: info@santuariosangiovanni.it  oppure 339-43.78.262.

Tags: Redazione, San Giovanni d`Andorno

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia