Tra i fondatori della Libertas, ha forgiato generazioni di baby giocatori

Addio a Giovanni "Oglio" Ogliaro, pilastro del calcio biellese

Se ne è andato un po’ il papà di tutti i calciatori di Biella. Giovani e meno giovani. Giovanni Ogliaro - per tutti “Oglio” - ha perso la sua partita contro la malattia che lo aveva colpito tre anni fa. Tra i fondatori della cara vecchia Libertas, ha guid

Stampa Home
Articolo pubblicato il 27-03-2014 alle ore 00:00:00.
addio-a-giovanni-oglio-ogliaro-pilastro-del-calcio-biellese-560fa998344c73.jpg
Giovanni Ogliaro insieme ai "suoi" bambini

Se ne è andato un po’ il papà di tutti i calciatori di Biella. Giovani e meno giovani. Giovanni Ogliaro - per tutti “Oglio” - ha infatti perso la sua partita contro la malattia che lo aveva colpito tre anni fa.

Giovanni Ogliaro è stato tra i fondatori della cara vecchia Libertas, ma soprattutto ha guidato per oltre 30 anni la scuola calcio gialloblù: 79 anni e non sentirli. Le ultime due-tre generazioni di calciatori lanieri sono passati sotto i suoi insegnamenti, tirando i primi calci a un pallone prima a Zumaglia e poi al San Biagio. Non aveva mai giocato a calcio in vita sua, ma come maestro era veramente… un Maestro, di quelli con la “M” maiuscola. Capiva subito il carattere del bambino che aveva di fronte e sapeva tirarne fuori il meglio, sul campo come a livello comportamentale. Basti pensare che tante mamme portavano da lui i figli proprio perché un po’ ribelli e “Oglio” con la calma e la pazienza che solo un nonno può avere li seguiva, tutti, uno per uno, con lui nessuno si sentiva escluso.

“Negli ultimi venti anni - lo ricorda con un misto di commozione e affetto l’amico Enzo Francisetti - abbiamo passato più tempo insieme noi due che con le nostre mogli. La sua, Gabriella, è una donna eccezionale e a lei va il mio abbraccio persona, quello di tutta la società e di tutti i bambini, oggi uomini magari, che hanno conosciuto “Oglio”. Molto spesso stavamo sino alle 3 di notte nella vecchia sede di via Belletti Bona a lavare maglie, calzoncini e calzettoni in uno stanzino di tre metri per tre, dove una vecchia radio degli anni ’30 suonava musica classica oppure era sintonizzata su Radio Radicale. “Non lavare mai in acqua calda”, raccomandava sempre alle mamme dei “suoi” bimbi”.

Domani pomeriggio alle 15,30, verrà celebrato il funerale nella chiesa parrocchiale di Chiavazza, mentre stasera alle 18 sarà recitato il Rosario nella chiesa della Confraternità.

Ma forse il momento migliore per ricordare l'Oglio sarà domenica, sul campo, in occasione del derby tra Junior Biellese Libertas e Ceversama, quando la società bianconera porterà tutti i ragazzi del settore giovanile allo stadio “Pozzo-Lamarmora”, una festa che a Giovanni Ogliaro sarebbe certamente piaciuta, anche perché tra le due squadre quasi tutti i giocatori lo hanno avuto come primo allenatore. “E se venissero allo stadio tutti quelli che ha allenato - conclude Francisetti - finalmente si potrebbero riempire quelle tribune…”.

Tags: giovanni ogliaro, libertas, biella, funerale

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Salute e Green

Post Del 26-10-2016
Giuliano Ramella "Siamo i vecchi, quelli che il linguaggio corrente definisce anziani. Vecchi, non solo per l’incalzare dell’età ma per effetto del vuoto...
Post Del 18-01-2016
Quanto ho sognato i peli sotto le ascelle 3 Che cos’è Bello? Mi capita davvero di fermarmi per una manciata di minuti e pensarci, cadenzialmente ogni giorno.
Post Del 07-08-2015
porto-alle-persone-frammenti-di-vita-560ff2ba8d2612.jpg Già da un mese vesto i panni della postina e faccio finta di dimenticare i libri dell’università. A tempo pieno porto alle persone...
Post Del 06-11-2016
Roberto Pietrobon Il 29 agosto l'ho sentita anch'io, ero ad Assisi in quei giorni e alle 3,36 mi sono svegliato con la camera che ballava e io con lei. Non mi successe nulla...
Post Del 16-11-2016
Lele Ghisio I sogni non risolvono i problemi. Ma chi non è in grado di sognare raramente trova soluzioni alla realtà. Anche alla peggio realtà....

Rubriche della provincia